At the Trainstation / Alla Stazione (tanto per cambiare)

Immagine

Immagine

Vi assicuro che questa signora non è una barbona. Non perché la conosca (non fotografo chi conosco) ma perchè, diciamo, frequenta luoghi che frequento anche io. Per quale motivo scelga di abbigliarsi così mi sfugge. Così come mi sfugge l’utilità del carrellino per un viaggio dalla mattina alla sera (non chiedetemi come, ma lo so). Ah.. la borsa di Fendi è originale, anche se, in mezzo a tanta rubbish, non si direbbe. Il dettaglio del calzino abbinato a leggings e vestitino è un classico del vorrei essere una seventeen ma ormai…

At the Tobacco Shop / Dal tabacchino

Immagine

Lo stesso impulso irrefrenabile che ha spinto la signora del post precedente a portare a stampare le foto senza guardarsi allo specchio, ha indotto quest’altra leggiadra signora a precipitarsi a… comprare le sigarette? giocare al lotto? Forse solo la prospettiva di una vincita miliardiaria può giustificare l’uso improprio degli zoccoli del Dottor Scholl, che di per sé sarebbero anche carini.

Grazie ancora una volta a N.C. che è una fantastica horrorstreetspy!

Turistas! number 2

Immagine

Questa foto io la trovo molto tenera. Lui si è vestito according to una vacanza alla Canarie. Pantaloncini stile hawaiano, maglietta stile skater in pensione, panama stile vorrei-essere-a- Miami ma non posso e i sandali con calzini d’ordinanza. E fotografa lei, seduta su una panchina davanti all’Oceano, plumbeo che più plumbeo non si può, lei che indossa un prendisole azzardato rispetto ai nuvoloni nel cielo. Il tempo è così così, la vacanza va comunque documentata per l’invidia degli amici a casa sotto la neve. Sembra quasi un quadro di Magritte. E alle spalle di lui, R.B., nostra spy implacabile, ferma l’attimo.

Walking with the baby / Portando a spasso il bambino

Immagine

Immagine

Immagine

“Sabato mattina vieni con me a portare a spasso il bambino?” E l’amica, che si intuisce di una certa avvenenza, ha esagerato. Già che con quel colore di capelli, che nessuno potrà convincermi essere naturale, dovrebbe accuratamente dosare il colore dei vestiti. E invece lei niente: vai di tutte le sfumature di viola, violetto e violino. Se accompagni un pupo, non proprio il dress code adatto. E qualcuno sa dirmi dove si comprano quelle scarpe?

Thanks to F.G.O.

Turistas!

Immagine

Le turiste, e qualche volta i turisti, danno sempre delle gran belle soddisfazioni. Per visitare le nostre belle città d’arte si conciano in maniere improponibili, come se girare per Ponte Vecchio (in questo caso siamo a Firenze) fosse un’impresa da affrontare con il peggior abbigliamento possibile. E non sanno, poverine, che i fiorentini sono tra i più eleganti d’Italia! Il pantaloncino, con i bottoni evidenzia pancia, intonato allo zainetto da scuola media è imperdibile. Taccio sulla maglietta.

Thanks again to N.C. che ha quasi più senso critico di me!

On the Bike / Sulla bicicletta

Immagine

Ci piace chi va in bicicletta e non in macchina. Ci piacerebbe di più se perdesse qualche chilo. Ci piacerebbe se indossasse pantaloni lunghi: non mi stancherò mai di dirlo, i pinocchietti stanno bene solo alle modelle di Pechino Express. Ci piacerebbe se non abbinasse il celeste al rosa, che tanto non stanno bene nemmeno ai neonati. E le Crocs…………………..!!!??? Thanks to N.C. che, anche in ferie, pensa a noi.